Abruzzo, Febbo: Match 4.0 Dih grande opportunità per sistema

Xab

Pescara, 25 ott. (askanews) - "Siamo già al lavoro sulla nuova programmazione 2021-2027 dei fondi europei che prevede, complessivamente, 9.2 miliardi di euro - ha dichiarato l'assessore alle Attività produttive, Mauro Febbo in occasione della presentazione, avvenuta, questa mattina, a Pescara, nella sede dell'assessorato, dell'iniziativa MATCH 4.0 Digital Innovation Hub Abruzzo. "Ritengo che si sia ben operato sull'innovazione tecnologica, come Regione, nell'ambito dell'attuale programmazione, - ha proseguito Febbo - anche grazie alla circostanza che la grande industria abruzzese ha compreso che fare leva su questi strumenti innovativi a livello tecnologico, incide poi positivamente anche sulla ricerca. Le criticità, invece, - ha continuato - sono presenti nell'ambito delle piccole e medie imprese. Ecco perchè rivolgiamo particolare attenzione a questo tipo di "digitalizzazione" che vorremmo coinvolgesse l'intero sistema industriale regionale chè è un sistema importante non solo nel centro-sud ma in termini assoluti". Una struttura agile e diffusa sul territorio regionale per facilitare la trasformazione digitale dei processi produttivi, in particolare delle piccole e medie imprese. Costituita da tutte le associazioni Confindustriali abruzzesi, MATCH4.0 Digital Innovation Hub Abruzzo costituisce la vera e propria "porta" di accesso per le imprese al mondo di Industria 4.0 perché mette a loro disposizione, direttamente o attraverso partner selezionati, servizi per introdurre tecnologie 4.0, sviluppare progetti di trasformazione digitale, accedere all'ecosistema dell'innovazione a livello regionale, nazionale ed europeo. Oltre a Febbo, sono intervenuti il coordinatore MATCH 4.0 DIH Abruzzo, Lino Olivastri, gli ingegneri Alessandra De Luca e Bruno Guardiani, Innovation Manager Match4.0 DIH Abruzzo, il presidente dell'Agenzia Speciale di Sviluppo CCIAA Ch-Pe Sportello EEN, Letizia Scastiglia, il responsabile dello sportello "European Enterprise Network", Giovanni Marcantonio (Agenzia Speciale Sviluppo CCIAA) e Florio Corneli, presidente Federmanager Abruzzo e Molise. La visione è quella di attivare un network territoriale dell'innovazione composto da Università, Player industriali, Centri di ricerca, Parchi scientifici e tecnologici, Competence Center, Cluster, Poli di Innovazione, Incubatori di Start-up, Spin-off, FabLab, Fondazioni, Investitori, Enti locali.