In Abruzzo la “palestra” per addestarre tecnici di Cybersecurity

·2 minuto per la lettura
featured 1526233
featured 1526233

Chieti, 13 ott. (askanews) – Leonardo, Regione Abruzzo e Università dell’Aquila hanno ideato una vera e propria “palestra” per i futuri tecnici della cyber sicurezza in ambito aerospaziale e non solo. Si chiama “Cyber trainer”, è attiva dal 2018 e i risultati della sua attività sono stati presentati alla prima edizione dell’International Conference on Cyber Security for Aerospace (ICCSA) in programma il 13 e 14 ottobre nelle città di Chieti e L’Aquila, in Abruzzo.

Con il boom della cosiddetta new space economy cioé l’utilizzo dello Spazio a scopi commerciali e con l’ingresso di una sempre più numerosa aliquota di startup e aziende private nei diversi settori dell’aerospazio, infatti, si sta facendo strada il problema della protezione dei dati prodotti dalle attività scientifiche e commerciali nello Spazio.

Al Global Security and Operation Center di Leonardo a Chieti, centro di eccellenza nella Cyber Security, ogni giorno, gli esperti prevengono e difendono da minacce informatiche le numerose infrastrutture strategiche a livello nazionale e internazionale.

Ma è un ambito ancora nuovo in cui – è emerso dal dibattito – manca ancora tutto; in particolare un’aggregazione tra tutti i soggetti, pubblici e privati, che operano nel settore aerospaziale a livello europeo, soprattutto per mettere a punto normative comuni e formazione.

Tommaso Profeta, Capo della Divisione Cyber and Security di Leonardo.

“Oggi inauguriamo un ‘Cyber trainer’ che è una piattaforma che serve proprio a questo – ha spiegato – serve ad addestrare i tecnici di oggi e i tecnici di domani. Una tecnologia particolarmente importante che noi abbiamo realizzato, grazie a un appoggio economico, quindi a un finanziamento della Regione Abruzzo che si mostra sempre come uno degli attori principali che accompagna Leonardo nello sviluppo sul territorio, sia per quanto riguarda le attività del Cyber and Digital center, qui di Chieti, sia per quanto riguarda le attività del Fucino. Sentiamo l istituzioni vicine. L’Università dell’Aquila che è il nostro partner in questa avventura, è un’altra itituzione grazie alla quale sono stati compiuti dei passi avanti concreti”.

Il cyber trainer, attraverso la simulazione di diversi scenari, permette di preparare i futuri operatori della cyber security e testare nuove tecnologie per verificare le componenti di sicurezza in caso di minacce informatiche.

Il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

“È un progetto al quale la Regione ha anche direttamente partecipato, finanziariamente e che ha permesso di costruire una filiera in cui c’è Leonardo, c’è una media impresa abruzzese, Tekne e poi ci sono tre piccole e medie imprese abruzzesi che hanno collaborato insieme per costruire questo sistema di training, un sistema di formazione avanzata per la cybersecurity che mette insieme anche il settore dell’automotive”.

All’evento ha preso parte anche una rappresentanza di Telespazio, fornitore di servizi spaziali a livello globale che, proprio in Abruzzo, al Centro Spaziale del Fucino, ha il teleporto più importante al mondo per usi civili.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli