Abruzzo, Marsilio nella ex zona rossa di Villa Caldari

Xab

Chieti, 12 giu. (askanews) - Il presidente della giunta regionale dell'Abruzzo, Marco Marsilio, si recato nella frazione di Villa Caldari, ex zona rossa e tra le aree pi colpite dal contagio da Covid 19. Una visita ad una comunit che ha pagato un prezzo molto alto sia in termini di vite umane che di blocco delle attivit produttive e commerciali. "I cittadini di Villa Caldari - ha esordito Marsilio - hanno dovuto fronteggiare un'autentica tragedia, una situazione che anche per noi stato difficile affrontare perch sentivamo il peso della sofferenza umana presente in questo territorio. Siamo stati costretti a prendere decisioni tutt'altro che facili - ha aggiunto Marsilio - come quella di istituire una zona rossa che ha prodotto isolamento sia sul piano economico che sociale ma che si rivelata indispensabile per salvare vite umane e contenere il contagio. Sono felice di aver visto una comunit molto vivace e attiva, a cominciare dai familiari della prima vittima, persone straordinarie capaci di ripartire con lo spirito giusto. Invito tutti - ha proseguito - a non aver paura di tornare a vivere normalmente come, del resto, ci spingono a fare anche i dati epidemiologici che da giorni, in Abruzzo, fluttuano da nessun caso di positivit al virus a poche unit di casi giornalieri. Siamo - ha concluso il Presidente - in una situazione assolutamente sotto controllo che ci consente di sperare in futuro sereno anche se non si pu abbassare la guardia. In ogni caso, quand'anche ci dovesse essere una malaugurata ripresa dei contagi, oggi abbiamo strumenti e armi diverse di conoscenza e organizzazione per poterla affrontare".