Abruzzo, Marsilio: a noi un terzo dei fondi sisma Centro Italia

Xab

L'Aquila, 12 ott. (askanews) - "La notizia della pubblicazione della graduatoria delle scuole colpite dal sisma del 2016 e del 2017, ammesse a contribuzione, porta in Abruzzo oltre 40 milioni di euro sui 120 disponibili dal bando per il Centro Italia. Un risultato importante per la Regione Abruzzo alle prese con un difficile processo di ricostruzione. La posizione in graduatoria dei progetti per le scuole abruzzesi rappresenta la dimostrazione che, quando si distribuiscono i fondi su bisogni reali e dimostrati, all'Abruzzo spetta molto di più di quel 10% attribuito in questi ultimi tre anni. Percentuale che è uno dei principali motivi che ha causato la situazione di stallo e di ritardo con cui si sta affrontando la ricostruzione in Abruzzo. Si tratta di quattordici progetti che rappresentano un investimento necessario per tenere viva la comunità scolastica nei paesi colpiti dal terremoto. L'impegno della Regione Abruzzo sarà ora quello di seguire da vicino i processi di ricostruzione, garantire ai nostri ragazzi luoghi sicuri dove poter studiare. Un punto di partenza per riuscire a evitare lo spopolamento in zone dove il terremoto ha prodotto danni non solo materiali ma anche sociali", lo ha dichiarato il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio. Queste le scuole la cui progettazione è stata inserita nella graduatoria del Ministero: L'elenco degli interventi per gli edifici scolastici abruzzesi. Provincia di Teramo: Teramo, Piazza Dante 2.500.000,00 euro; Teramo, via San Marino 5.000.000,00 euro; Teramo, via Cona 5.000.000,00 euro; Teramo, via Bafile 5.000.000,00 euro; Teramo, via Carducci 5.000.000,00 euro; Teramo, viale Bovio L'Aquila, 11 ottobre 2019 - "La notizia della pubblicazione della graduatoria delle scuole colpite dal sisma del 2016 e del 2017, ammesse a contribuzione, porta in Abruzzo oltre 40 milioni di euro sui 120 disponibili dal bando per il Centro Italia. Un risultato importante per la Regione Abruzzo alle prese con un difficile processo di ricostruzione. La posizione in graduatoria dei progetti per le scuole abruzzesi rappresenta la dimostrazione che, quando si distribuiscono i fondi su bisogni reali e dimostrati, all'Abruzzo spetta molto di più di quel 10% attribuito in questi ultimi tre anni. Percentuale che è uno dei principali motivi che ha causato la situazione di stallo e di ritardo con cui si sta affrontando la ricostruzione in Abruzzo. Si tratta di quattordici progetti che rappresentano un investimento necessario per tenere viva la comunità scolastica nei paesi colpiti dal terremoto. L'impegno della Regione Abruzzo sarà ora quello di seguire da vicino i processi di ricostruzione, garantire ai nostri ragazzi luoghi sicuri dove poter studiare. Un punto di partenza per riuscire a evitare lo spopolamento in zone dove il terremoto ha prodotto danni non solo materiali ma anche sociali", ha dichiarato il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio. (Segue)