Abusi contro la nipote minorenne: zio condannato a 5 anni

abusa nipote minorenne

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna della Corte d’Appello: il pensionato di 77 anni accusato di aver molestato la nipote minorenne è stato condannato a 5 anni di reclusione. La vicenda ha avuto luogo in un paese limitrofo al lago D’Iseo. I fatti risalgono tra l’Inverno del 2013 e la Primavera del 2014. In quel periodo il 77enne avrebbe abusato della nipote bresciana di 17 anni, una ragazza affetta da alcuni problemi psichici.

Dopo la prima condanna il pensionato aveva subito presentato ricorso, ribadendo con forza la sua innocenza. I suoi legali avevano spiegato che l’anziano non avrebbe mai potuto commettere nessun abuso a causa di una disfunzione erettile.

Abusi contro la nipote minorenne

Ma la ragazza, dal canto suo, aveva sempre riferito di aver subìto delle molestie. Prima ne avrebbe parlato in paese, poi si sarebbe rivolta alla madre. Infine, solo su continuo sollecito dei familiari avrebbe trovato il coraggio di rivelare chi era l’uomo che la molestava. L’orco ero lo zio, il fratello del nonno della ragazzina.

In base a quanto raccontato dall’adolescente, il pensionato si sarebbe offerto di caricarle il cellulare in cambio di rapporti intimi. Tutto avrebbe avuto inizio con qualche palpatina: “All’inizio mi chiedeva di toccarlo”, avrebbe raccontato la ragazza. In alcune occasioni, invece, stando sempre alle parole della nipote, lo zio le avrebbe proposto di avere dei rapporti anche fuori delle mura domestiche, perfino in un cantiere. A nulla sono valse le argomentazioni della difesa. Il tribunale ha confermato la condanna, ora diventata definitiva.