Abusi su ragazzina di 12 anni: arrestato a Oristano

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 21 set. (askanews) - Abusi sessuali su una ragazzina di 12 anni affidata a lui e alla moglie da un'amica di famiglia. E' l'accusa che ha portato all'arresto di un uomo residente a Oristano accusato di violenza sessuale pluri-aggravata su minore. L'uomo, catturato dagli agenti della Squadra Mobile nei giorni scorsi, è ora detenuto nel carcere di Massama dove ieri si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l'interrogatorio di garanzia davanti al gip e al pm titolare delle indagine.

I primi abusi risalgono al 2016 quando la vittima era appena dodicenne. Le violenze sarebbero durate alcuni anni e proseguite sino al 2020, quando la giovane aveva deciso di confidarsi con una sua amica, la quale ne aveva parlato con una persona adulta che a sua volta ha subito contattato la polizia. Così scattarono le indagini che hanno fatto emergere un quadro inquietante: non solo abusi sessuali commessi in abituale stato di ubriachezza ma anche minacce che però si alternavano a regali che l'uomo faceva alla piccola per assicurarsi il suo silenzio.

Le violenze sarebbero avvenute nell'abitazione dove l'uomo risiedeva insieme alla moglie e in una località marina dell'oristanese dove la coppia passava giornate in villeggiatura. Dopo essersi rifiutato di rispondere alle domande del giudice l'arrestato è stato ricondotto in cella dove in attesa del processo. Dovrà difendersi dall'accusa di violenza sessuale pluriaggravata perché commessa in danno di minore di 14 anni attraverso l'abuso di relazioni domestiche.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli