Abusi, Vaticano presenta task force che assistono episcopati -2-

Ska

Città del Vaticano, 28 feb. (askanews) - L'Osservatore Romano ha recentemente ricapitolato tutti i provvedimenti presi dal Vaticano da un anno a questa parte per contrastare e prevenire gli abusi sessuali sui minori nella Chiesa. Già un mese più tardi del vertice del febbraio 2019, "il 26 marzo 2019, Francesco mette la firma in calce a tre documenti che cambiano il volto della legislazione vaticana. Il primo è la Lettera apostolica in forma di motu proprio con cui si stabilisce che sia perseguito chi commette 'abuso o maltrattamento contro minori o contro persone vulnerabili', che per i reati commessi in territorio vaticano abbiano giurisdizione penale gli organi giudiziari interni, che alle vittime sia offerta assistenza spirituale, medica, sociale e legale, nonché sia garantito il diritto a un equo processo per gli imputati e si proceda alla rimozione dagli incarichi per i condannati, fermo restando anche per loro un supporto riabilitativo".

"Il secondo provvedimento varato dal Papa è la Legge 297 per lo Stato della Città del Vaticano. Il nuovo codice impone, tra l'altro, l'obbligo di denuncia tempestivo di una notizia di reato e fissa a 20 anni il termine di prescrizione dello stesso che, in caso di minore, decorre dal compimento dei 18 anni di età. La Legge 297 indica inoltre nel 'servizio di accompagnamento' lo strumento idoneo a fornire ogni forma di assistenza alle vittime e alle loro famiglie. Il terzo provvedimento, le 'Linee guida per la protezione dei minori', sancisce i criteri per la scelta degli operatori pastorali e le corrette norme di comportamento nel rapporto con minori e persone vulnerabili e in generale elenca le procedure da seguire nel caso di procedimenti a carico di abusatori".(Segue)