Accademia di Brera si allarga a Segrate, consegnati nuovi spazi

Asa

Milano, 24 set. (askanews) - La presidente dell'Accademia di Brera Livia Pomodoro e il sindaco di Segrate Paolo Micheli hanno firmato l'accordo che consegna gli spazi di Cascina Ovi all'ateneo milanese. L'accordo tra le due istituzioni, che assegna gli spazi a Brera per nove anni, è stato raggiunto in tempi rapidi visto che la delibera di Giunta è del luglio scorso. "Il mondo ha fretta e noi dobbiamo adeguarci" ha commentato l'ex presidente del Tribunale di Milano. "I nostri spazi sono diventati troppo stretti. Ma non c'è niente di strumentale in tutto questo. C'è un fil rouge metropolitano che ci ha accompagnato, ieri dallo scalo Farini, oggi a Segrate, un dovere morale che ci chiede di aprirci ai territori" ha aggiunto.

Dal canto suo il sindaco Micheli ha ricordato come già un poco di Accademia sia presente a Segrate, nel parco dell'Idroscalo, con testimonianze importanti: le sculture di artisti quali, tra gli altri, Manzù e Baj. Il trasferimento di una parte dell'Accademia a Segrate, ha osservato, è "una scelta che denota il coraggio di Brera di aprirsi al futuro, con una presenza che spronerà Segrate ad una collaborazionenon solo temporanea, ad un legame che potremmo chiamare famiglia".

In chiusura il direttore dell'Accademia, Giovanni Iovane, ha ricordato come Brera proponga, per Segrate, l'apertura di un laboratorio di ceramica, come segno, dopo anni, di un ritorno degli artisti contemporanei alla manualità e alla materialità. L'Accademia infine in una collaborazione virtuosa con il Comune e le sue attività culturali, oltre all'impegno formativo, proporrà eventi, mostre, ma anche nuove possibilità per la comunità ed il territorio.