Accadrà nel 2028, la profezia del 'viaggiatore del tempo'

Su YouTube è comparso già da un po' di tempo uno strano personaggio che si autoproclama un 'viaggiatore del tempo' e che ha raggiunto più di un milione di visualizzazioni con una straordinaria profezia lasciata per il 2028.

La profezia per il 2028: saremo in gradi di viaggiare nel tempo?

L'uomo, Noah, sostiene di provenire dal 2030 e di essere tornato indietro per spiegarci le sue verità. Tutto questo in maniera alquanto pericolosa perché, nel video di YouTube in cui compare, il suo volto e la sua voce sono stati distorti per nascondere la sua identità, in quanto ha paura di essere "assassinato".

Stando a quanto emerge dalle sue parole, il viaggio nel tempo sarebbe stato già inventato. Anzi, a dirla tutta, secondo la sua profezia l'anno esatto sarebbe il 2028. Nello stesso anno, inoltre, l'essere umano andrà per la prima volta su Marte.

Questo almeno stando alle sue parole. Avvolto dai connettori della macchina della verità, è stato confermato che ciò che rivelava è completamente vero. O, almeno, lui è convinto sia vero.

Come funzionerà il viaggio nel tempo nel 2028?

Chissà. Forse il 2028, stando alla profezia di Noah, sarà l'anno in cui potremo tutti avere una DeLorean come quella di MartyMcFly in Ritorno al Futuro per viaggiare a nostro piacimento nel tempo? Oppure non ci sarà consentito dalle regole imposte dai governi?

E, soprattutto, data la crisi energetica in corso, questa macchina del tempo come funzionerà? Benzina? Gas Naturale? Metano? Oppure solo un po' di plutonio per produrre 1.21 Gigawatt di potenza?

Di 'viaggiatori del tempo', tra YouTube e TikTok, c'è da dire che ne compaiono spesso molti. Sarà forse Noah quello che dice la verità? Non ci resta che aspettare. Al 2028 mancano soltanto 6 anni.

Photo credits: Shutterstock


Asteroide colpirà la Terra? Astrofisici avvisano su quando succederà

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli