"Accetto solo pazienti vaccinati. Lo devo a loro, alla mia famiglia e a me stesso"

·1 minuto per la lettura
(Photo: Pietro Bica/Facebook)
(Photo: Pietro Bica/Facebook)

“L’attuale situazione epidemiologica mi ha convinto a non accettare più pazienti non vaccinati a partire dal 1° settembre. Lo devo innanzitutto ai vaccinati per garantire loro la massima sicurezza, alla mia famiglia, agli amici che frequento (solo se vaccinati) e a me stesso. Non è certamente paura della malattia (tra vaccinati è diventata una normale influenza), ma non posso permettermi uno stop lavorativo a causa della prevista quarantena in caso di contagio, cosa che ovviamente sta a cuore anche a chi viene a farsi visitare presso il mio studio. Spero che altri colleghi si comportino allo stesso modo”. Questo il messaggio che si legge sulla pagina Facebook di Pietro Bica, apprezzato chirurgo ortopedico di Palermo. Il post è stato sommerso di commenti, tra complimenti e critiche.

“Occorre che ciascuno di noi faccia la sua parte anche in questa opera di convincimento, con qualsiasi strumento”, spiega Bica in un’intervista a Repubblica.

“I negazionisti sono persone che hanno paura ma non lo ammetteranno mai. E allora dobbiamo forzare la mano. Io lavoro anche in ospedale e ovviamente se arriva un paziente in ospedale presterò la mia opera che sia vaccinato o meno. Ma al mio studio la cosa è diversa, mi sento libero di far entrare chi mi dà garanzia di sicurezza. E non credo affatto che questo sia un atteggiamento discriminatorio”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli