Accoltella amico al culmine di una rissa: arrestato nel Milanese

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 dic. (askanews) - Ha sferrato tre colpi di coltello a un suo amico e collega al culmine di una rissa scoppiata per futili motivi. E' stato arrestato dai carabinieri. In manette è finito un pregiudicato ucraino di 26 anni, residente a San Donato Milanese, comune a Sud del capoluogo lombardo, e regolare sul territorio italiano.

L'intervento dei militari è scattato nel pomeriggio di ieri dopo la segnalazione su una rissa in corso in piazza Italia, nel centro di San Giuliano Milanese. Quando i carabinieri sono arrivati sul posto il 26enne, in forte stato di alterazione per l'assunzione di sostanze alcoliche, ha immediatamente gettato a terra il coltello che aveva con sè, minacciando i militari e cercando anche di colpirli con calci e pugni. Si è reso necessario l'intervento di un'altra pattuglia per bloccarlo e portalo in caserma. Grazie al racconto della vittima e ad altre testimonianze, gli investigatori dell'Arma hanno ricostruito la dinamica dell'aggressione: i due, complice l'abbondante nevicata, non sono andati al lavoro ma si sono incontrati in casa della vittima: dopo aver bevuto varie birre, hanno iniziato a litigare. La rissa è proseguita in strada, in piazza Italia, con il 26enne che ha aggredito l'amico accoltellandolo al collo, al braccio sinistro e alla schiena. La vittima, un 27enne incensurato e regolare in Italia, è stato trasportato immediatamente in codice giallo all'ospedale Vizzolo Predabissi, cosciente e non in pericolo di vita.

Per l'aggressore, accusato di tentato omicidio e resistenza, è invece finito in cella in attesa dell'udienza di convalida dell'arresto. L'arma del delitto, un coltello con una lama di circa 34cm, è stata sequestrata.