Accoltellamento a Parigi, un morto e due feriti: ucciso l’aggressore

accoltellamento parigi villejuif

Tre persone sono rimaste coinvolte in un accoltellamento alle porte di Parigi, per le strade di Villejuif (cittadina di circa 50 mila abitanti situata nella regione dell’Ile de France). Secondo quanto si apprende dalle prime notizie trapelate da fonti locali, un uomo avrebbe pugnalato alcuni passanti (scelti in modo apparentemente casuale) all’interno del parco Hauts Bruyères. Uno dei feriti è deceduto in ospedale.

L’aggressore è stato ucciso dagli agenti di polizia, che hanno aperto il fuoco. Prima di colpire avrebbe urlato “Allah Akbar“. Secondo alcune fonti non ancora confermate, indossava una djellaba, abito tradizionale dell’Africa settentrionale.

Parigi, accoltellamento a Villejuif

Resta ancora da ricostruire l’esatta dinamica dell’aggressione, che è terminata con uno scontro a fuoco in cui l’uomo armato di coltello è stato raggiunto da almeno tre proiettili. Sconosciute anche le motivazioni del folle gesto.

È trascorso poco più di un anno da quando a essere vittima di un accoltellamento per le strade di Parigi è stato un tifoso del Manchester United pugnalato da un tassista dopo la sconfitta del PSG contro la squadra britannica nella gara di ritorno degli ottavi di finale di Champions League 2018. In un primo momento, l’aggressore ha minacciato l’unica donna nel gruppo di tifosi. Quando il ragazzo è intervenuto in sua difesa, è rimasto gravemente ferito.

È, invece, di un morto e quattro feriti il bilancio dell’aggressione risalente a maggio 2018, quando un uomo ha accoltellato i passanti a pochi passi dal centralissimo teatro Opera di Parigi, al grido di “Allah Akbar”. Le medesime parole sono state pronunciate anche dall’assalitore che, nell’agosto dello stesso anno, ha aggredito alcuni passanti a Trappes, a ovest della capitale.