Accoltellato in carcere l'uomo accusato di aver ucciso Bob Kennedy

Luisa Berti

L'uomo accusato di aver ucciso Robert F. Kennedy è stato accoltellato nella prigione della California, dove sta scontando l'ergastolo. Lo riferisce Nbc News. Il 75enne Sirhan Bishara Sirhan è ricoverato in condizioni ritenute "stabili".

L'aggressione è avvenuta alle 14.21 (ora locale, 23.21 in Italia) nel penitenziario Richard J. Donovan, nella contea di San Diego. "Gli agenti hanno risposto rapidamente e hanno trovato un detenuto con ferite da coltellate. Le sue condizioni sono state stabilizzate dopo il ricovero in ospedale".

La sua storia

Sirhan Bishara Sirhan ha passato circa due terzi della sua vita in carcere ma nel penitenziario dove è stato aggredito è stato trasferito solo 6 anni fa, nel novembre 2013. 

Cristiano palestinese di cittadinanza giordana, aveva 24 anni quando poco dopo la mezzanotte del 5 giugno 1968 uccise con diversi colpi di pistola "Bobby" Kennedy all'hotel Amabassador di Los Angeles, dove l'allora candidato alla presidenza degli Stati Uniti aveva appena tenuto un discorso ai suoi sostenitori per festeggiare la vittoria alle primarie del Partito Democratico del 4 giugno.

Sirhan era nato a Gerusalemme e viveva da dodici anni negli Stati Uniti. Si era trasferito con i genitori, prima a New York e poi in California. Durante le indagini emerse che aveva una vera e propria ossessione per Robert F. Kennedy.

La polizia trovò nel suo appartamento un diario in cui esprimeva la volontà di ucciderlo, dopo che il senatore in campagna elettorale aveva annunciato il suo sostegno a Israele. La notte del 5 giugno, mentre Kennedy lasciava il palco nel salone dell'hotel e attraversava le cucine per andare a un incontro con i giornalisti, Sirhan si fece largo tra la folla e sparò.

Dall'autopsia emerse un foro d'entrata del proiettile dietro l'orecchio destro del senatore e la foto scattata subito dopo la sparatoria rivelò una ptosi palpebrale tipica di una lesione cerebrale.

Kennedy morì al Good Samaritan Hospital di Los Angeles, dove era stato trasportato subito dopo il ferimento, all'alba del 6 giugno. Aveva 42 anni. Le sue ultime parole, pronunciate subito dopo essere stato colpito e appena prima di perdere conoscenza, furono: "E gli altri? Come stanno gli altri?".

Dopo nemmeno un anno, il 17 aprile 1969, Sirhan fu condannato alla camera a gas, ma tre anni dopo la pena fu commutata in ergastolo. Nel corso degli anni di reclusione, l'omicida ha chiesto diverse volte la libertà condizionata, ma gli è stata sempre negata. La prossima richiesta al tribunale competente potrà essere inoltrata nel 2021.

Sia durante il processo che nei giorni subito dopo l'omicidio, Sirhan ammise di aver sparato a Kennedy. Come in altri casi di grande impatto mediatico, l'omicidio generò varie ipotesi complottiste.La misteriosa distruzione di migliaia di foto e reperti contribuì al loro prosperare.

Il 30 giugno del 2003 l'avvocato del killer, in un tentativo di garantire a Sirhan un nuovo processo, affermò che questi era stato "programmato" per uccidere Kennedy, che egli non avrebbe potuto colpire il senatore da dove si trovava e che una serie di misure illegali e persecutorie contro i suoi avvocati erano state messe in atto per impedire loro di far emergere la verità. L'istanza fu respinta