Accordo Parigi, Braga (Pd): uscita di Trump è scelta antistorica

Gbt-Pat

Rimini, 6 nov. (askanews) - La scelta del presidente degli Stati Uniti di uscire dagli Accordi di Parigi sul clima è "antistorica" e denotano la "difficoltà" di Trump "che tenta di rispondere alle esigenze delle lobbies e non guarda invece alle esigenze delle future generazioni". Secondo Chiara Braga, capogruppo del Partito democratico nella Commissione Ambiente della Camera, è "un segnale molto preoccupante".

"Questa è una decisione molto preoccupante - ha detto Braga a margine di un incontro a Ecomondo, la fiera dell'innovazione industriale e tecnologica dell'economia circolare -. Sappiamo come gli impegni presi nell'accordo di Parigi già oggi non sarebbero sufficienti a mantenere l'innalzamento della temperatura globale al di sotto dei 2 gradi".

"Il passo indietro dell'America - ha proseguito - è una scelta che definirei antistorica, di chiusura, di incapacità di capire qual è la sfida dell'umanità in questo tempo, e credo anche che sia la scelta di un presidente comunque in difficoltà, che tenta di rispondere alle esigenze delle lobbies e non guarda invece alle esigenze delle future generazioni. Ma è un segnale molto preoccupante perché fa venir meno il ruolo di una delle grandi potenze mondiali che poteva dare all'accordo di Parigi sostanza e spinta. Ne discuteremo alla COP25 che ci sarà a Madrid all'inizio di dicembre".