Accordo Pd-M5s, Renzi contro Gentiloni: “Ha provato a far saltare l’intesa”

Accordo Pd M5s Renzi Gentiloni

È scontro all’interno del Partito Democratico sull’eventualità di un’alleanza con il Movimento 5 Stelle. L’ex premier Matteo Renzi ha accusato il suo successore alla guida del governo, Paolo Gentiloni, di aver tentato di far saltare l’accordo Pd-M5s. L’attacco è avvenuto durante un discorso tenuto alla sua scuola di formazione politica a Barga, nella Garfagnana. L’audio dell’intervento dell’ex sindaco di Firenze è stato registrato e diffuso, diventando virale in poche ore.

Accordo Pd-M5s, l’accusa

Renzi ne è certo: “È Paolo Gentiloni che ha fatto passare il messaggio di una triplice richiesta di abiura da parte del Pd al M5s”. La notizia delle tre vere condizioni avanzate da Nicola Zingaretti nel corso delle consultazioni al Quirinale ha fatto vacillare lo scenario di un accordo Pd-M5s che avrebbe potuto risolvere la crisi di governo. “I 5 Stelle avevano detto: ‘Noi ci siamo se ci garantite che possiamo arrivare al referendum sul taglio dei parlamentari’. L’ala trattativista, guidata da Franceschini, aveva detto: ‘A noi va bene se voi garantite dei contrappesi’. Ma il modo in cui lo spin è stato passato è un modo finalizzato a far saltare tutto”.

La responsabilità, continua Renzi, è di Gentiloni, che “era al Colle ma non ha aperto bocca. Nella sede ufficiale non ha detto quello che pensava, ma lo ha detto a due giornali”. Si tratta di Repubblica e di HuffingtonPost, “guarda caso dello stesso editore”, commenta l’ex premier. “La parte dei 5 Stelle che vuole far saltare tutto, legata a Di Battista e Paragone, a quel punto ha detto che Zingaretti è Giuda. E in questo rilancio il messaggio del M5s è stato: ‘Noi andremo da Mattarella a dire: mai con il Pd'”.

L’ex premier ha inoltre avvertito che, se l’accordo Pd-M5s dovesse saltare per colpa di “uno spin che contravviene alle regole interne”, tra le conseguenze potrebbe esserci una scissione all’interno del partito. “Nel Pd, ove vi fosse la rottura, sarebbe il caos. Se salta tutto, non è detto che il Pd arrivi tutto insieme alle elezioni”, tuona Renzi nell’audio.