Accusata di plagio per la tesi di laurea, si dimette la ministra del Lavoro austriaca

·1 minuto per la lettura

AGI - La ministra del Lavoro, della Famiglia e della Gioventù austriaca ha annunciato le dimissioni un anno dopo essere entrata in carica in seguito alle accuse di plagio su alcuni lavori accademici a cominciare dalla tesi di laurea.

Christine Aschbacher, del partito conservatore Ovp del premier Sebastian Kurz, ha spiegato in un comunicato di ritirarsi dalle sue funzioni per "proteggere la famiglia", denunciando "l'ostilità, la veemenza politica e gli attacchi portati con una forza insopportabile".

La ministra, 37 anni, è accusata di "plagio, citazioni scorrette e scarsa conoscenza della lingua tedesca" nella sua tesi di laurea del 2006, secondo il blog di un esperto specializzato nel rintracciare le frodi accademiche, Stefan Weber.

Aschbacher si era laureata con lode all'Università di Scienze Applicate di Wiener Neustadt, non lontano da Vienna. 

Stesse accuse contro il suo manoscritto sullo "stile di gestione delle aziende innovative", presentato nel maggio 2020 all'Università Tecnica di Bratislava in Slovacchia, nel bel mezzo della crisi sanitaria. Si tratta di una "raccolta di 134 pagine di sciocchezze e sciocchezze", di cui almeno un quinto è tratto da altre fonti senza attribuzioni agli autori, tra cui un articolo della rivista Forbes, ha scritto nel suo blog Weber.

Il cancelliere Kurz, che governa in coalizione con i Verdi, ha detto di "rispettare" la decisione della ministra. La vicenda arriva in un momento in cui il governo è sotto pressione per la gestione caotica della seconda ondata della pandemia di Covid-19. Il nome del suo successore sarà noto lunedì, ha scritto Kurz sul suo account Twitter.