Accuse archiviate, Fedez non ha diffamato il Codacons: “Una piccola vittoria”

·2 minuto per la lettura
Codacond
Codacond

Il gip di Milano ha ordinato l’archiviazione dell’indagine per diffamazione aperta in seguito a una denuncia del Codacons contro il cantante Fedez.

Fedez non ha diffamato il Codacons, il gip di Milano archivia l’indagine

Il gip di Milano, Roberto Crepaldi, ha deciso di archiviare l’indagine per diffamazione aperta contro Fedez, al secolo Federico Lucia, aperta dopo la denuncia presentata dal Codacons datata 17 aprile 2020.

La disputa si era generata in seguito a una storia pubblicata dal rapper sul suo account Instagram ufficiale realizzata per rivolgere pesanti accuse nei confronti dell’associazione dei consumatori. Il Codacons, infatti, aveva organizzato una raccolta fondi per contrastare il coronavirus ma non aveva rilasciato dettagli chiari e precisi circa la destinazione del denaro raccolto.

A questo proposito, quindi, Fedez aveva criticato l’associazione asserendo che il Codacons volesse incrementare la propria visibilità sfruttando la tragica circostanza rappresentata dalla pandemia.

Le accuse di diffamazione rivolte a Fedez, tuttavia, sono state archiviate dal gip di Milano che ha spiegato come le dichiarazioni rilasciate dall’artista siano una piena espressione della libertà d’opinione.

La vicenda rappresenta soltanto una delle tante querele che il Codacons ha depositato contro il marito di Chiara Ferragni.

Fedez non ha diffamato il Codacons, la decisione del gip Crepaldi

Sulla base delle decisioni recentemente prese, il gip Roberto Crepaldi ha spiegato che le opinioni del rapper sono basate su fatti realmente accaduti che possono essere oggetto di critica. Pertanto, il gip ha reputato che le motivazioni esposte dal Codacons non fossero sufficienti per procedere con l’incriminazione per diffamazione.

Fedez non ha diffamato il Codacons, la storia su Instagram

In seguito alla decisione del gip Crepaldi, Fedez ha festeggiato la notizia postando su Instagram un video che lo ritrae mentre si esibisce in una danza della vittoria, canticchiando le parole “e poi ne restano mille”. Il verso è tratto dal suo ultimo brano “Mille”, anch’esso motivo di contenzioso con il Codacons che ha denunciato la pubblicità occulta presente nel video della canzone, depositando un nuovo esposto contro l’artista.

In un video apparso tra le storie Instagram, quindi, Fedez ha commentato l’archiviazione stabilita dal gip di Milano, dichiarando: “Oggi una piccola vittoria: hanno archiviato una querela che mi aveva fatto il Codacons. Assolto, quindi. E poi me ne restano mille…”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli