Acea, Gola: "Nuovi target di sostenibilità più sfidanti, in piano 2,1 mld di investimenti"

·2 minuto per la lettura
Acea, Gola: "Nuovi target di sostenibilità più sfidanti, in piano 2,1 mld di investimenti"
Acea, Gola: "Nuovi target di sostenibilità più sfidanti, in piano 2,1 mld di investimenti"

Roma, 27 ott. (Adnkronos) – "Acea è un'azienda già strutturalmente sostenibile ma con questo piano ci siamo dati nuovi target di sostenibilità ancora più sfidanti rispetto al precedente piano. Nel piano 2020-24 dei 4,7 miliardi di euro di investimenti complessivi ben 2,1 mld – un incremento di circa 400 mln di euro rispetto al piano precedente – sono riferibili a specifici target di sostenibilità". Ad affermarlo è l'ad di Acea, Giuseppe Gola, nel corso della presentazione del piano alla comunità finanziaria.

Nel dettaglio, rileva Gola, "263 milioni di euro saranno indirizzati per ridurre le perdite idriche, 220 mln per la resilienza del sistema acquedottistico di Roma, 127 mln per l'efficientamento del sistema di depurazione, 234 mln per l'installazione di smart meter idrici ed elettrici, 58 mln per l'ammodernamento e la telegestione delle infrastrutture, 445 mln di euro (che include 206 mln di M&A) per l'incremento dei rifiuti trattati in ottica circular economy, 29 mln per le infrastrutture legate alla mobilità elettrica, 212 mln per l'incremento generazione di energia green".

Inoltre "492 milioni di euro saranno investiti per la resilienza e l'efficientamento delle reti elettriche".

"In alcuni mercati di riferimento, come quello del waste o quello idrico, si registra un progressivo consolidamento della competizione" e "ci aspettiamo che questo processo di consolidamento rappresenterà un'opportunità per le utility che potranno recitare un ruolo attivo importante". "Siamo pronti a cogliere eventuali opportunità di crescita" nel settore idrico in particolare "tramite la partecipazione a nuove gare in territori in cui non siamo". Ad aggiunto è l'ad di Acea.

"Siamo interessati, essenzialmente, a tutte le gare che verranno a scadenza nel prossimo periodo. La maggior parte sono in Emilia Romagna: in particolare siamo interessati alla gara per Rimini mentre per Reggio Emilia siamo ancora in una fase iniziale. Stiamo seguendo la gara di aggiudicazione", sottolinea Giovanni Papaleo, il Chief Operating Officer rispondendo a una domanda di un'analista. "Nel comparto idrico – aggiunge – pensiamo di partecipare a qualsiasi gara sarà indetta".