Acea, presentato a Ecomondo impianto per trattamento plastiche

featured 1669084
featured 1669084

Rimini, 9 nov. (askanews) – Le fondamenta e i muri sono già stati costruiti. A breve verranno realizzate le opere elettromeccaniche. Entro il 2024 l’impianto di Acea a Cittaducale in provincia di Rieti entrerà in funzione. Qui verranno selezionati i rifiuti in plastica in base alla tipologia e al colore. E al termine del processo di lavorazione si otterranno diversi prodotti pronti ad avere una seconda vita sotto forma di bottiglie in pet, flaconi e film in polietilene o cassette per ortofrutta e imballaggi misti.

“L’impianto si inserisce nel filone del riciclo delle plastiche e quindi nel filone molto caro ad Acea Ambiente del recupero di materia – ha spiegato l’amministratore delegato, Giovanni Rosti -. E’ un impianto innovativo, ad altissima tecnologia. Tratterà fino a 90mila tonnellate di plastica da raccolta differenziata, principalmente dei rifiuti solidi urbani ma anche

scarti di rifiuti industriali. L’obiettivo è quello di fornire plastica rigenerata al mercato”.

Questo è solo uno dei progetti che la multiutily ha portato a Ecomondo, la più importante fiera dell’economia verde e dell’economia circolare. A Rimini Acea Ambiente ha presentato i risultati di ricerche sull’uso del compost in agricoltura e i benefici sui terreni impoveriti. Un’attenzione particolare anche al trattamento diffuso dei rifiuti organici prodotti da grandi

utenze come mense, ospedali, centro commerciali e stazioni, con l’intendo di ridurre anche le emissioni di CO2 prodotte dal trasporto dei rifiuti. Tra le proposte anche un’app per la tutela dell’acqua e reti elettriche intelligenti, con l’obiettivo di ridurre sempre più gli sprechi.

“La sensibilità c’è – ha aggiunto Rosti – ma occorre spiegare meglio ai cittadini e alle istituzioni che hanno più sensibilità ma che poi fanno fatica a metterla sul campo che il tema del riciclo, recupero e gestione generale del rifiuto è un tema socialmente rilevante”.