Acqua alta a Venezia: CPSM prevede nuovo picco di 160 cm

Acqua alta Venezia picco

Continua senza sosta il fenomeno dell’acqua alta a Venezia, per il quale il Centro Previsioni e Segnalazioni delle Maree ha previsto un nuovo picco di 160 cm. Questo si dovrebbe registrare nella giornata di domenica 17 novembre 2019 alle ore 12:30.

La situazione a Venezia

Per la giornata di oggi, sabato 16 novembre, il Centro prevede, dopo i 97 cm registrati alle 11:25, una diminuzione del livello che alle 19:05 dovrebbe toccare il minimo, con un valore inferiore ai 50 cm. Nella tarda serata dovrebbe poi risalire fino a toccare i 130 cm previsti per le 3:05 di domani.

I due terzi del capoluogo veneto sono allagati e lo stato di emergenza prosegue. Il governatore Zaia e il sindaco hanno infatti parlato di danni per centinaia di milioni. Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha emanato un’ordinanza che prevede un primo rimborso di 5.000 euro per i privati e di 20.000 per le aziende, secondo lo schema indicato dal Premier Conte. Contenuta nel provvedimento anche la sospensione dei mutui per un anno, con uno stanziamento di 20 milioni per il primo ristoro dei danni.

Il sindaco della città Luigi Brugnaro ha anche inviato nella notte una squadra specializzata per mettere in sicurezza e preservare i pini marittimi davanti ai Giardinetti Reali. Intanto continuano i sopralluoghi in città. Oggi è toccato al ministro Lamorgese e al Presidente del Senato Casellati che hanno auspicato l’unità della politica per salvaguardare Venezia.

Acqua alta a Venezia: picco di 160 cm

La stima del CPSM è aggravata dal fatto che i calcoli prefigurano un’intera mezza giornata con l’acqua che supera il metro. Il livello massimo di 160 cm dovrebbe infatti essere preceduto da altri due picchi, uno alle 3:05 di 130 cm e un altro alle 6:50 di 110 cm. Dopo l’eccezionalità prevista per le 12:30 il livello dell’acqua dovrebbe scendere fino ad un minimo di 50 cm tra le 18:00 e le 19:00, per poi risalire ma senza numeri preoccupanti. Per lunedì 18 e martedì 19 sono infatti previsti livelli massimi di 105 cm che vengono considerati di codice giallo.

A causa dell’acqua alta eccezionale attesa per domani, il Patriarcato ha annullato diverse messe previste nella Basilica di San Marco, a partire da quelle delle 10:30 e delle 12. Stessa situazione anche per altre chiese della Laguna, la maggior parte delle quali si trovano in stato di allagamento.