Acqua: Monza e Brianza sul podio per capacità depurativa

webinfo@adnkronos.com

“Primi in Italia per la depurazione dell’acqua. Un risultato che regala per Natale a Monza e alla Brianza una prova ulteriore dell’eccellenza del nostro territorio in un settore così rilevante nella vita dei cittadini. La nostra provincia balza al sesto posto in Italia e, in particolare, con il lavoro di BrianzAcque sulla depurazione è prima, a pari merito con altre tre province lombarde”. Così il presidente e ad di BrianzAcque, Enrico Boerci, la classifica sulla qualità della vita stilata dal Sole 24 ore per quanto concerne la capacità depurativa dell’acqua.  

“Il lavoro che abbiamo fatto in questi ultimi anni sull’impianto di Monza e gli investimenti straordinari per garantire una qualità della depurazione e dell’acqua che arriva nelle case nei nostri comuni – continua Boerci- ci ripagano oggi ancora di più dell’impegno della nostra squadra e del sostegno dei nostri comuni. Abbiamo una capacità depurativa e una qualità dell’acqua che ci fa essere un modello per il Paese. Come merita la Brianza. Avanti così. Faremo ancora meglio”.  

L’indagine del quotidiano economico-finanziario che dal 1990 fotografa il benessere nei territori e il loro cambiamenti, ha preso in esame complessivamente 107 Province utilizzando 90 indicatori suddivisi in sei macro aree tematiche: Ricchezza e consumi, Affari e lavoro, Demografia e società, Giustizia e sicurezza, Cultura e tempo libero e Ambiente e servizi, categoria nella quale Monza e Brianza primeggia per la capacità di depurazione condividendo il podio con altre 13 province della Penisola.  

Nel 2018, BrianzAcque con i suoi due depuratori di Monza San Rocco e Vimercate , ha 'ripulito' 67,5 milioni di metri cubi di acqua, restituendola alla natura secondo un esempio perfetto di economia circolare.  

“Il primato raggiunto da BrianzAcque è una conferma importante: nel nostro territorio l’acqua pubblica è considerata da tempo una risorsa preziosa da non sprecare e da non sciupare. Gli investimenti in termini di risorse ma soprattutto di tecnologia degli ultimi anni sono andati proprio in questa direzione, tanto da fare diventare la nostra società un benchmark di riferimento a livello nazionale", commenta l'assessore del Comune di Monza all’Ambiente, Martina Sassoli.  

"Da parte nostra - aggiunge - consideriamo questo un modello da poter applicare anche in altri settori ambientali per poter ulteriormente migliorare le performance del nostro territorio in materia di sostenibilità. Guardando al futuro, due gli obiettivi principali: incrementare ulteriormente le dotazioni a verde della nostra città, incrementando gli investimenti sulle nuove piantumazioni e migliorare i risultati su quantità e qualità dei rifiuti prodotti”. 

Per Roberto Corti, sindaco di Desio e presidente del comitato di controllo congiunto di BrianzAcque, "sono stati anni di grandi cambiamenti questi che abbiamo affrontato con BrianzAcque e che i comuni hanno fortemente condiviso. Abbiamo fatto scelte che hanno spinto per una attenzione ambientale ben prima che l’ambiente diventasse la giusta priorità che è oggi nell’opinione pubblica e nell’agenda politica. E abbiamo per questo sostenuto un radicale cambio di passo negli investimenti nella depurazione e nel rinnovo delle reti idriche e fognarie".  

"La fotografia che ci scatta l’Osservatorio del Sole 24 ore e che ci mette al primo posto in Italia per la depurazione è uno straordinario riconoscimento della strada che abbiamo avviato e che con ancora più tenacia proseguiremo nei prossimi anni", conclude.