Ad Hong Kong un acquirente l’ha spuntata su tre avversari per una somma davvero stratosferica

Il De Beers Cullinan Blue nelle mani del gemmologo Arnav
Il De Beers Cullinan Blue nelle mani del gemmologo Arnav

Il “The De Beers Cullinan Blue” è il diamante blu più grande del mondo ed è andato all’asta, ma a quanto è stato venduto? Ad Hong Kong un acquirente l’ha spuntata su tre avversari per una somma davvero stratosferica ed alla fine di quella lunga battaglia a suon di rilanci da infarto se lo è aggiudicato per la somma di oltre 57 milioni e mezzo di dollari. Si tratta di una enorme gemma a gradini (per gli standard dei diamanti blu lo è) da 15,10 carati.

Venduto il diamante blu più grande del mondo

Il diamante è stato venduto ad Hong Kong dopo otto minuti di rilanci e con un vincotore finale di cui ha dato menzione la casa di aste di Londra Sotheby’s che ha battuto l’oggetto. La stima base era di 48 milioni di dollari e il prezzo finale fissato da un acquirente anonimo l’ha superata con agio: per telefono l’anonimo riccone ha sborsato 450.925.000 Dollari di Hong Kong pari a circa 54.8 milioni di euro. Il “The De Beers Cullinan Blue” venne trovato nella miniera omonima, quella che porta il nome del più mostruoso diamante conosciuto di sempre, che si trova in Sud Africa.

Dove e quando venne estratto

Il ritrovamento avvenne nel 2021 e quella gemma fu subito insignita del rating più alto. Il Gemological Institute of America (GIA) aveva infatti classificato il gioiello come “fancy vivid blue”, la classificazione del colore più alta, che è stata assegnata a non più dell’1% dei diamanti blu presentati. E attenzione, quello del The De Beers Cullinan Blue non è il prezzo record per i diamanti blu: quello lo detiene l'”Oppenheimer Blue” da 14,62 carati, che nel nel 2016 fu venduto con un prezzo finale superiore di circa 70mila dollari.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli