Addio a Ennio Morricone, il grande Maestro aveva 91 anni

Primo Piano
·3 minuto per la lettura
(Photo by Christoph Soeder/picture alliance via Getty Images)
(Photo by Christoph Soeder/picture alliance via Getty Images)

Grave lutto nel mondo della musica, del cinema e della cultura. Ennio Morricone, il grande compositore italiano, è morto all’età di 91 anni. Ad annunciarlo, nella mattinata del 6 luglio, il direttore del Tg5 Clemente Mimun su Twitter. La notizia è stata poi confermata da Ansa, nei minuti successivi, e dalla famiglia dell’artista.

LEGGI ANCHE: Ennio Morricone, nel necrologio scritto dal maestro l’addio struggente alla moglie

Il musicista e compositore, autore delle colonne sonore più belle del cinema italiano e mondiale, da “Per un pugno di dollari” a “Mission”, da “C'era una volta in America” a “Nuovo cinema Paradiso”, si era rotto il femore qualche giorno fa, in seguito a una brutta caduta. Si è spento in una clinica romana, alle prime luci dell’alba. I funerali si terranno in forma privata, "nel rispetto del sentimento di umiltà che ha sempre ispirato gli atti della sua esistenza", hanno fatto sapere i parenti tramite una nota.

SFOGLIA LA GALLERY - Ennio Morricone, i messaggi di cordoglio dei vip

SFOGLIA LA GALLERY: Morricone, i premi e gli scatti più emozionanti dell’immenso compositore

VIDEO - Chi era Ennio Morricone?

LEGGI ANCHE: Morricone, oltre 400 colonne sonore in 40 anni

“Ha conservato sino all'ultimo piena lucidità e grande dignità - ha poi dichiarato l'amico e legale Giorgio Assumma - Ha salutato l'amata moglie Maria, che lo ha accompagnato con dedizione in ogni istante della sua vita umana e professionale, e gli è stato accanto fino all'estremo respiro, ha ringraziato i figli e i nipoti per l'amore e la cura che gli hanno donato. Ha dedicato un commosso ricordo al suo pubblico dal cui affettuoso sostegno ha sempre tratto la forza della propria creatività".

LEGGI ANCHE: Morricone, l'ultimo riconoscimento il 5 giugno scorso

Era nato a Roma il 10 novembre 1928, si era diplomato al Conservatorio di Santa Cecilia in tromba, composizione, strumentazione, direzione di banda e musica corale. Maestro d'orchestra, componente del gruppo sperimentale Nuova Consonanza, aveva debuttato nel cinema con il film di Luciano Salce “Il federale” (1961), per poi imporsi anche come arrangiatore delle più famose canzoni italiane dei primi anni Sessanta (suoi gli arrangiamenti di tutti i successi di Gianni Morandi e quello dell'evergreen di Mina “Se telefonando”).

LEGGI ANCHE: Morricone, Conte: "Infinita riconoscenza al genio del maestro"

La sua fama era esplosa grazie al sodalizio artistico con Sergio Leone, padre dei film Spaghetti Western, ed era proseguita con grandi collaborazioni, da Bertolucci a Carpenter. Morricone aveva vinto due premi Oscar, uno nel 2007 (alla carriera) e uno nel 2016 (per “The Hateful Eight”, film di Tarantino per il quale si era aggiudicato anche il Golden Globe).

Tra i numerosi e prestigiosi premi vinti, anche tre Grammy Awards, quattro Golden Globes, sei BAFTA, dieci David di Donatello, undici Nastri d'argento, due European Film Awards, un Leone d'Oro alla carriera e un Polar Music Prize. Oltre 70 i milioni di dischi venduti in carriera. Il Maestro aveva continuato a scrivere per il cinema e a dirigere fino a pochi mesi fa.

GUARDA ANCHE - Il premio delle Asturie a Ennio Morricone