Addio al professore di informatica "cuore d'oro" che si è sentito male in Dad

·1 minuto per la lettura

AGI - Giuseppe Pitorri amava la panna sopra la cioccolata calda, preparare la sua esplosiva pasta ai fagioli per gli amici, ma più di tutto insegnare.

Sempre “in camicia, cravatta e libro, quando l'ho aiutato a traslocare è stato come spostare una biblioteca”. Il paradosso, dice la preside Leonarda Spagnolo dell'Istituto Jean Monnet di Mariana Comense, è che “ha formato con rigore generazioni di studenti ma ci lascia ‘impreparati' alla sua assenza”.

Lo chiamavano ‘Il perfido' per la sua severità - lui ci sorrideva su - ma nei ricordi ora tutti fanno brillare il suo “cuore d'oro”. 
 “C'era un motivo per la sua severità, ci preparava alla vita - riflette Giuseppe - e non mi può che tornare in mente la frase che in classe ripeteva sempre: ‘La vita è dura'”.  “Collega disponibile, sorridente e conciliante, amico a volte timido ma generoso, solare e affettuoso”. “Prof. mancherà il suo sorriso”. “Il fatto di non poterla più rivedere dal vivo per un saluto e parlare della vita dopo le superiori è un grosso rammarico. Ha insegnato a tanti e creato un grande impatto nelle vite di molti”.

Si è sentito male durante una lezione in Dad il 30 marzo, ha spiegato agli studenti che doveva spegnere il pc - lui, docente di informatica - e chiudere la lezione in anticipo. Da allora non ha più dato notizia fino all'arrivo dei carabinieri che lo hanno trovato senza vita nella sua casa il giorno dopo, a 65 anni. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli