Addio a Cesare Landucci, dottore deceduto a 69 anni

Cesare Landucci morto coronavirus

Tra i medici deceduti dopo aver contratto il coronavirus c’è anche Cesare Landucci, originario di Massa. Il dottore, che aveva compiuto 69 anni il 5 maggio, si è spento 21 giorni dopo lasciando un vuoto tra la sua comunità e i suoi pazienti.

Morto Cesare Landucci

Professionista molto stimato, Landucci era risultato positivo all’infezione all’inizio del mese di marzo. Dopo aver manifestato i sintomi tipici era stato ricoverato e dopo diversi giorni i due tamponi di controllo avevano dato esito negativo. Stando a quanto emerso sarebbero però sopraggiunte alcune complicazioni successive che l’hanno condotto al decesso.

Nonostante fosse in pensione, aveva continuato a svolgere la sua professione nel suo ambulatorio. Dal 2008 era stato Responsabile dell’Unità Semplice di Ultrasonografia del Dipartimento di Medicina Interna dell’Azienda Usl 1 di Massa e Carrara e dal 1990 al 2008 Aiuto corresponsabile presso Medicina Interna all’ospedale di Massa. Precedentemente aveva svolto per undici anni l’incarico di Assistente medico a Medicina seconda.

Sono moltissimi i messaggi apparsi sui social network da parte di amici, conoscenti e pazienti dopo aver appreso la triste notizia. Un utente lo ha ricordato come un “medico conosciuto da tanti, da tutti stimato, amato dalla famiglia ed in particolare dalle figlie Irene e Beatrice“. Qualcun altro ha poi sottolineato le sue capacità umane e professionali, tra cui la disponibilità “a fornire spiegazioni, dettagli e risposte alle ansie e paure dei pazienti“. Con il suo decesso, i morti per coronavirus della provincia sono saliti a 145. I contagi rimangono invece stabili a quota 979.