Addio tatuaggi a colori: l'Unione Europea adesso li vieta

·1 minuto per la lettura
(Getty Images)
(Getty Images)

Dal 4 gennaio non sarà più possibile farsi i tatuaggi a colori. Lo ha deciso l'Unione Europea, evidenziando che quasi tutti gli inchiostri che contengono isopropanolo, un solvente, sono vietati. Un duro colpo per il settore e anche per gli amanti dei tattoo, che rischiano di poter fare solo quelli in bianco e nero.

LEGGI ANCHE: Tatuaggi solo in bianco e nero, colori vietati da gennaio

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Tatuaggi e piercing in sicurezza, le regole anti-Covid

Nel nostro Paese il settore dei tatuaggi conta 5mila aziende con un 13% di italiani che ne ha fatto almeno uno. Sostituire i prodotti messi alla berlina, che arrivano principalmente dall’America, non è assolutamente facile. Non in tempi brevi, almeno. Polemiche e proteste non si sono fatte attendere. Germania e Austria hanno presentato un'interrogazione parlamentare a Bruxelles dove si sottolinea che la misura è a scopo precauzionale, non esistendo un’evidenza di quanto realmente possano essere dannosi i colori. Mentre il Council of European Tattoo Associations ha presentato una petizione internazionale per chiedere all’Ue una proroga per gli operatori.

LEGGI ANCHE: Tatuaggi e piercing in sicurezza, le regole anti-Covid

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Justin Bieber spiega il significato dei suoi tatuaggi

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli