Adele: "Non si è mai trattato di perdere peso, l'ho fatto per me. Dalle donne le parole peggiori"

·2 minuto per la lettura

Adele è tornata dopo 5 anni di assenza dalle scene e per l’occasione ha deciso di raccontarsi in una lunga intervista al settimanale Vogue. “Easy on me” è il titolo del nuovo singolo, in uscita il prossimo 15 ottobre. Nell’album prende spazio ciò che è avvenuto nella vita dell’artista negli ultimi anni, dopo il divorzio dal marito Simon Konecki dal quale ha avuto un figlio, Angelo. 

“Nessuno di noi due ha fatto qualcosa di sbagliato” ha raccontato la 33enne, “Non ci siamo fatti del male o nulla del genere. Era solo che volevo che mio figlio mi vedesse amare per davvero. Ed essere amata. Da quel momento sono partita alla ricerca della mia vera felicità”. L’album vuole essere anche una risposta in musica ai quesiti del figlio: “Ha così tante domande semplici a cui non so rispondere perché non ho le risposte. Ad esempio, ‘perché non possiamo più vivere tutti insieme?’ Perché non è quello che la gente fa quando divorzia. ‘Ma perché no?’ E io penso che non ne ho idea, non è quel che la società fa”.

Per Adele è stato provante l’attenzione dei riflettori, dai quali ha provato a stare alla larga negli ultimi anni. “Ho scritto al mio manager ‘questo non fa per me, non è il motivo per cui amo la musica’”. Ma gli occhi dei curiosi le sono stati sempre addosso, pronti a giudicare la sua trasformazione fisica: “Il mio corpo è stato oggettivato per tutta la mia carriera. Non solo adesso. Ma le conversazioni peggiori avvenivano fra donne. E questo mi ha enormemente deluso. Mi ha fatto male”. 

Lei non ha voluto condividere con il pubblico il suo percorso di salute e questo, dice, in qualche modo non è stato accettato: “Le persone sono scioccate perché non ho condiviso il mio percorso di salute. Siamo abituati alle persone che documentano tutto su Instagram. Questa cosa, invece, l’ho fatta per me stessa e per nessun altro. Perché mai avrei dovuto condividerla? Non lo trovo affatto utile. Si tratta del mio corpo. La palestra è diventata il mio tempo. Mi sono reso conto che quando mi stavo allenando, non avevo alcuna ansia. Non si è mai trattato di perdere peso”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli