Adescava minorenni sui social, insegnante in manette

webinfo@adnkronos.com

Avrebbe utilizzato i social network, fingendosi poco più che ventenne, per adescare minorenni. Non solo gli avrebbe fatto faceva avances sessuali, ma avrebbe anche chiesto e inviato materiale pornografico. Un insegnante di scuola media è stato arrestato dalla squadra mobile di Novara con l'accusa di produzione di materiale pedopornografico, adescamento di minori e atti sessuali con minorenni. A far scattare le indagini sono state le segnalazioni di alcuni genitori. In particolare, dagli accertamenti è emerso che il docente, tramite i social, entrava in contatto con alcuni profili di ragazze minorenni e, con identità fasulle, spacciandosi anche per agente assicurativo, le adescava carpendone la fiducia con lusinghe e apprezzamenti, scambiando con le stesse materiale pornografico. Le indagini, condotte dagli investigatori e coordinate dalla Procura della Repubblica di Torino, hanno fatto emergere che il professore, dopo essersi informato della loro età, si sarebbe fatto inviare delle fotografie dal contenuto pornografico. In un caso sarebbe anche riuscito a compiere atti sessuali con una minore di sedici anni.