Adozione per le coppie omosessuali: sì dell'Alta corte amministrativa della Croazia

Croazia adozione coppie omosessuali
Croazia adozione coppie omosessuali

La Croazia ha detto sì all’adozione per le coppie formate da due persone dello stesso sesso.

L’Alta corta amministrativa croata approva la richiesta di una coppia gay per l’adozione

Lo ha deciso l’Alta corte amministrativa del Paese in una sentenza con cui ha respinto l’argomentazione del ministero della Famiglia e accolto invece la richiesta di Mladen Kožić e Ivo Šegota, una coppia gay di Zagabria, per entrare nel registro dei genitori candidati all’adozione.

La battaglia legale dei due è durata otto anni

La battaglia legale di Mladen Kožić e Ivo Šegota è durata otto anni, dal rigetto della domanda fatta dai due al centro per l’assistenza sociale per essere inseriti, dopo un’adeguata valutazione di idoneità, nel registro dei possibili genitori adottivi di minori.

Tutte le istanze a cui Kožić e Šegota si erano in seguito rivolti avevano continuato a respingere la loro richiesta, in quanto le legge croata del 2014 sulle unioni civili garantisce alle coppie omosessuali tutti i diritti del matrimonio tradizionale tranne quello all’adozione.

L’Alta corte amministrativa ha però definito discriminatoria questa motivazione, appellandosi alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e alle sue sentenze, che giudicano illegali le distinzioni basate sull’orientamento sessuale anche nell’ambito del diritto familiare.

In Croazia le coppie omosessuali potranno essere inserite nelle liste per l’adozione di un minore

Sulla base della decisione della Corte, quindi, i centri per l’assistenza sociale dovranno prendere in considerazione le domande di adozione fatte da coppie omosessuali, che quindi in caso di esito positivo potranno essere messe in lista di attesa, molto lunghe in Croazia, per adottare un minore senza famiglia.

Leggi anche: Strage Texas, la 11enne Miah Cerrillo riesce a sopravvivere fingendosi morta

Leggi anche: Autrice del libro “Come uccidere tuo marito” condannata per l’omicidio del coniuge

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli