Aerei: come risparmiare senza rischi

Per i biglietti aerei, esiste il rischio di un biglietto economico che si può sintetizzare nel tempo che intercorre tra il momento in cui lo si paga e quello in cui si viaggia effettivamente (Getty)

Nell’organizzazione di un viaggio, il biglietto aereo ha il suo peso. Tra low cost, last minute, punti fedeltà e siti vari, più o meno tutti cercano la vacanza da sogno a prezzi contenuti. Certe offerte sono “troppo buone per essere vere”, o almeno presentano una componente di rischio piuttosto elevata.

Lo sconto troppo alto

Per i biglietti aerei, esiste il rischio di un biglietto economico che si può sintetizzare nel tempo che intercorre tra il momento in cui lo si paga e quello in cui si viaggia effettivamente. Tanto maggiore l’intervallo, tanto più alto il rischio. Per le compagnie in crisi, infatti, vendere oggi a prezzi di sconto è un modo per fare cassa, rinviando a domani il momento in cui onorare la promessa. Bisogna mettere in conto che il momento potrebbe anche non arrivare mai.

Il caso recente

La norvegese Primera, implosa a fine settembre 2018, è il caso più recente. Risultato: migliaia di passeggeri bloccati e decine di migliaia che hanno comprato un biglietto che non hanno mai potuto utilizzare. La lista è lunga: dall’italiana Windjet, alla tedesca Germania, passando per Air Berlin e la britannica Monarch.

Come fare per risparmiare

Per cogliere le offerte migliori bisogna tenere in considerazione tre punti fondamentali. Il primo riguarda le condizioni generali della compagnia aerea: la frequenza di ritardi e le tante cancellazioni non sono un buon segnale. Il secondo interessa la data di partenza: se si compra un biglietto per un viaggio molti mesi prima, qualche rischio c’è. Il terzo riguarda la destinazione: se per il rientro ci sono alternative ragionevoli e la stagione non è di punta, l’acquisto può valere la pena.