Aerei, Iata: Coordinare lancio reti 5G con sicurezza dei voli

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Doha, 21 giu. (askanews) - Serve un forte coordinamento tra i governi e il settore del trasporto aereo per garantire che i sistemi di sicurezza dell'aviazione e quelli già esistenti possano coesistere in sicurezza con i nuovi servizi 5G . E' l'appello che la Iata ha lanciato nel corso della 78esima Assemblea generale in corso a Doha in Qatar.

Se da un lato la Iata riconosce l'importanza economica di rendere il 5G in banda C disponibile per supportare le telecomunicazioni commerciali wireless di prossima generazione, dall'altro il mantenimento degli attuali livelli di sicurezza dei passeggeri, degli equipaggi di volo e degli aeromobili deve continuare a essere una delle massime priorità dei governi.

"Non dobbiamo ripetere la recente esperienza degli Stati Uniti - ha dichiarato Willie Walsh, direttore generale della Iata - dove l'introduzione dei servizi 5G con spettro in banda C ha creato enormi disagi all'aviazione, a causa del potenziale rischio di interferenze con i radioaltimetri, fondamentali per i sistemi di atterraggio e sicurezza degli aerei. In realtà, molti Paesi sono riusciti a facilitare i requisiti dei fornitori di servizi 5G, includendo le necessarie mitigazioni per preservare la sicurezza dell'aviazione e i servizi ininterrotti. Tra questi, ad esempio, Brasile, Canada, Francia e Thailandia".

Prima di decidere l'assegnazione dello spettro o di effettuare aste, la Iata ha chiesto ai governi di garantire uno stretto coordinamento e un'intesa reciproca tra i regolatori nazionali dello spettro e della sicurezza dell'aviazione, in modo che ogni allocazione/assegnazione di frequenze sia studiata in modo approfondito e si dimostri che non ha un impatto negativo sulla sicurezza e sull'efficienza dell'aviazione. Per fornire le informazioni necessarie, asserisce la Iata, è di fondamentale importanza effettuare test approfonditi in coordinamento con gli esperti del settore dell'aviazione.

Tra le misure già utilizzate da alcuni governi vi sono: Garantire test approfonditi e una sufficiente separazione dello spettro tra le installazioni in banda C del 5G e la banda di frequenza 4,2-4,4 GHz utilizzata dai radioaltimetri esistenti. Codificare chiaramente e far rispettare il limite massimo di potenza per la trasmissione in banda C 5G e l'inclinazione verso il basso delle antenne 5G, in particolare in prossimità delle rotte di volo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli