Aereo ultraleggero precipita su una palazzina nel milanese, 8 morti

·1 minuto per la lettura

Un piccolo aereo privato, è precipitato sopra un edificio in via Marignano, a San Donato Milanese (Milano). Il velivolo è caduto su una palazzina vuota in ristrutturazione, adibita a uffici e parcheggio per autobus. C’erano 8 persone, a bordo, il pilota con 7 passeggeri, tra cui un bambino: sono tutti morti nell’incidente.

L’ultraleggero decollato da Linate era diretto a Olbia. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco e la polizia e i mezzi di soccorso. Il velivolo e alcune auto e la palazzina sono in fiamme. Gli abitanti della zona hanno sentito un sibilo fortissimo e poi un’esplosione, causata dall’impatto dell’ultraleggero. Immediatamente le fiamme hanno avvolto la palazzina di due piani in via 8 ottobre 2001, angolo via Marignano, a pochi passi dalla sede dell’Eni di San Donato e dal capolinea della metropolitana gialla di Milano.

“Ho sentito un aeroplano che stava per cadere, con le eliche che si fermavano, poi ho sentito le finestre tremare e, come nei film, sono andato alla finestra e ho visto una colonna di fumo alzarsi”: è quanto racconta un ragazzo che abita a poche decine di metri dalla palazzina contro cui si è schiantato un ultraleggero a San Donato Milanese (Milano). Attorno all’area, ci sono ancora i soccorritori che stanno coprendo con dei teli i resti delle 8 vittime. L’aereo è precipitato in via 8 ottobre 2001, così intitolata per ricordare la strage di Linate quando morì anche un residente di San Donato tra le 118 vittime dell’incidente aereo. “L’aereo aveva un motore in fiamme ed è venuto giù in picchiata, non si sono viste manovre, ma è proprio precipitato”, ha dichiarato un altro.

(Photo: velivolo)
(Photo: velivolo)

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli