Aerospazio, viaggio del CTNA nei territori sede dei 13 Distretti

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 5 mag. (askanews) - Il 25 settembre 2012 nasceva il Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio su impulso dell'allora ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca Francesco Profumo. A dieci anni di distanza, il CTNA racconta la propria nascita e crescita con un libro e una serie di eventi in ciascuno dei territori sede dei 13 distretti aerospaziali e tecnologici che oggi vi aderiscono.

"Il decennale è l'occasione per comunicare il CTNA negli incontri che faremo in tante regioni italiane, nel nostro viaggio tra i Distretti, i loro territori, le loro filiere e raccontare l'affascinante mondo dell'aerospazio", afferma il presidente del CTNA Cristina Leone. "Vogliamo parlare non solo agli addetti ai lavori nei e dei territori, ma anche ai tanti giovani che in questi anni abbiamo coinvolto nelle nostre iniziative di formazione, per raccontare quale sarà l'evoluzione tecnologica nell'aerospazio, le prospettive e come, lavorando insieme, si possano creare quelle reti lunghe di innovazione che possono far crescere il tessuto delle Pmi intorno alle grandi imprese nazionali".

Il CTNA nasce come associazione pubblico-privata senza scopo di lucro legata al programma Horizon 2020, programma di ricerca e innovazione da 80 mld di euro annunciato nel 2011 dall'Unione Europea allo scopo di dare una forte spinta alla competitività tecnologica europea. Tra i primi otto Cluster Nazionali italiani vi è appunto quello dell'aerospazio, che vede come fondatori i distretti del Lazio, Puglia, Piemonte, Lombardia e Campania, ai quali nel corso degli anni si aggiungono via via Emilia Romagna, Sardegna, Toscana, Umbria, Basilicata, Abruzzo, Liguria e Veneto; l'adesione delle Marche sarà perfezionata nei prossimi mesi. Del CTNA sono soci anche CNR, CIRA, GE Avio, Leonardo, Aiad, ASI, INVG.

"Il valore del CTNA è il network attivamente partecipato che opera sia su scala locale che nazionale", sottolinea Leone. "L'obiettivo è moltiplicare conoscenze e pratiche, mettendo in sinergia imprese, mondo accademico e società civile per fare squadra nel Paese ed essere sempre pronti a cogliere le opportunità di crescita per il nostro settore".

"Da questo decennale emerge la bontà dell'idea di creare un 'distretto dei distretti', confermata dalla continua crescita dei membri", dice Gregory Alegi, autore del libro "CTNA 10: dalla tradizione dei territori all'innovazione aerospaziale", che sarà presentato in tutti gli incontri del decennale. "Speriamo di poter aggiungere alla storia del CTNA nuovi capitoli che rispecchiano la ricchezza delle tradizioni industriali e la capacità di fare sinergia per innovare". Per le visioni portate avanti dall'UE in campo aeronautico, e di Spin-IT per lo Spazio, il CTNA si avvale della collaborazione di ACARE.

"Il viaggio nella storia e nel futuro del CTNA comincia domani 6 maggio a Matera - dice la presidente Cristina Leone - dove incontreremo il Clas, Cluster Lucano Aerospazio, presieduto da Antonio Colangelo, poi nel mese di Maggio il 12 la Campania, il 19 Piemonte, il 27 la Puglia, in Giugno il 14 l' Umbria, il 23 Veneto, il 30 la Liguria e via via gli altri distretti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli