Affidi illeciti,Morelli: silenzio media, discutiamone in Parlamento

Pol-Afe

Roma, 18 lug. (askanews) - "Il silenzio calato sull'inchiesta 'Angeli e Demoni', che ha fatto emergere l'orrore di Bibbiano e un meccanismo di corruzione nel sistema degli affidi in Val D'Enza, è intollerabile dal momento che parliamo di uno scandalo tra i più gravi nella storia della nostra Repubblica. Oggi ho depositato un'interrogazione sul tema e spero che seguano anche quelle dei colleghi di tutte le forze politiche, perché la tutela dell'infanzia non può essere un'iniziativa di bandiera, ma un sentimento presente in tutti noi". Lo afferma in una nota Alessandro Morelli, deputato e responsabile Editoria della Lega.

"In un Paese normale un business da migliaia di euro che, secondo l'ordinanza del tribunale, assistenti sociali e psicoterapeuti avrebbero portato avanti per lucrare sulla pelle dei bambini, avrebbe occupato le prime pagine di tutti i giornali e le inchieste sarebbero durate per mesi. Davanti alla cecità di alcuni media la classe politica non può fare altro che discuterne nelle sedi competenti, perché rappresentiamo il Paese reale, ed è chiaro che anche l'opinione pubblica è fortemente scossa da questi gravissimi avvenimenti", conclude Morelli.