Affidi illeciti, Ronzulli: chi ha rubato bambini cambi mestiere

Pol/Bar

Roma, 28 lug. (askanews) - "Chi ha falsificato le carte per sottrarre bambini ai suoi genitori senza ragione, ha rovinato le vite degli uni e degli altri, non può pensare di cavarsela 'ammettendo gli addebiti' e scaricando la responsabilità sui 'superiori' che avevano dato precise disposizioni. Le valutazioni spettano alla magistratura, ma come il pm titolare dell'inchiesta 'Angeli e demoni' ha espresso parere negativo, ritengo che l'operatrice dei Servizi sociali coinvolta nello scandalo di Bibbiano non dovrebbe poter proseguire il suo lavoro in quello stesso settore, in quello stesso ufficio". Lo ha dichiarato in una nota Licia Ronzulli (Forza Italia), presidente della commissione bicamerale Infanzia, in una nota.

"Non esistono scusanti - ha aggiunto - e non è una questione di 'pentiti': licenziarla o destinarla ad altro incarico, lontano dai bambini, è un atto di giustizia che servirebbe anche agli operatori corretti e onesti di quei Servizi sociali per levarsi di dosso questo clima di sospetto e restituire l'immagine di una discontinuità. E' sempre più evidente che bisogna aggiornare la normativa sugli affidi e sui minori fuori famiglia. E' urgente e non procrastinabile ancora. Abbiamo depositato una proposta - ha concluso Ronzulli - che impedirebbe il ripetersi di casi come questi, dal momento che prevede il diritto alla difesa per le famiglie e la registrazione dei colloqui con gli operatori dei Servizi sociali".