Affido minori, Bonaccini: noi per primi vogliamo la verità -2-

Red/Gtu

Roma, 28 ott. (askanews) - Ai lavoratori, quindi, e alle famiglie e comunità che accolgono i minori, Bonaccini ha portato la personale vicinanza e la gratitudine della Regione Emilia-Romagna, perché "ogni giorno donano con umanità e coraggio qualcosa di sé per sostenere i bambini e le famiglie più fragili, facendo della solidarietà e dell'accoglienza un impegno quotidiano".

"Non possiamo né vogliamo sostituirci all'attività della Magistratura - ha sottolineato Bonaccini - ma fare fino in fondo la nostra parte affinché in un campo tanto delicato di intervento sia, se non cancellata, limitata al massimo la possibilità di errore e di illecito. Per questo abbiamo ritenuto che occorresse un'assunzione di responsabilità, e deciso di agire con immediatezza: le due Commissioni di inchiesta, politica e tecnica, hanno entrambe un preciso obiettivo: capire se e come le istituzioni coinvolte, a partire dalla Regione, possano migliorare e rafforzare il sistema dei servizi, delle tutele e delle garanzie dei minori e delle loro famiglie; comprendere cosa, dal punto di vista normativo, organizzativo e procedurale, possa e debba essere cambiato".

E "come Giunta, e sono certo anche come Assemblea, non ci tireremo indietro: a conclusione del lavoro delle due Commissioni, che ringrazio per la serietà e l'impegno con cui hanno affrontato questo compito gravoso, tutto ciò che di migliorativo potrà essere fatto lo faremo. E se dalle relazioni conclusive scaturiranno proposte e indicazioni anche rispetto ad altre istituzioni, mi impegno fin d'ora, per la parte che potrà competere a me e alla Giunta, a farmi parte attiva affinché vengano considerate nelle sedi opportune". (Segue)