Affitti a Milano: crescono senza sosta i canoni e i prezzi delle case

classifoca zone care milano affitti

I prezzi degli affitti delle case a Milano continuano a crescere e i canoni d’affitto ammontano a cifre esorbitanti. Tecnocasa, agenzia di intermediazione immobiliare, ha pubblicato i dati relativi ai canoni dei primi sei mesi del 2019. Le informazione veicolate da questi dati non sono per nulla rassicuranti. Milano si conferma come una delle città italiane più care.

Affitti a Milano: i dati 2019

L’analisi dei canoni di affitto e dei prezzi delle case del capoluogo lombardo non è affatto positiva per chi sta vuole trasferirsi a Milano o sta cercando di acquistare casa. Dalla classifica stilata da Tecnocasa si evince che a Milano affittare un monolocale costa il 6,1% in più rispetto al 2018, crescono anche i bilocali (+4,2%) e trilocali (+5,3%). La spiegazione di tale fenomeno è da rintracciare principalmente nella riduzione dell’offerta sul mercato dovuta principalmente all’aumento degli affitti a scopo turistico e dalla volontà di diversi proprietari di vendere l’immobile approfittando della ripresa del mercato.

Inoltre, gli acquirenti di oggi puntano a acquistare solo immobili di qualità o finemente ristrutturati e questo è sicuramente un fattore che fa alzare i prezzi maggiormente. Un fattore molto importante sono anche i costi condominiali, anche quelli in forte crescita. La lista completa dei prezzi quartiere per quartiere di Milano si può trovare sul sito ufficiale dell’agenzia immobiliare.

I prezzi delle case e i contratti

Secondo le ricerche effettuate da Tecnocasa, il 41,9% delle persone che affittano casa a Milano ha un’età tra i 18 e i 34 anni e il 54,5% di questi è single. Per questo il tipo di abitazione maggiormente affittata è il bilocale (40,9%) e a seguire il trilocale (35%). Inoltre, la maggior parte dei contratti sono stati stipulati da lavoratori fuori sede (51,4%). Sempre secondo lo stesso studio, la zona più economica di Milano sarebbe Ponte Lambro dove si riuscirebbe ad affittare un monolocale per 250 euro al mese. I canoni in altre zone della città invece vanno dai 600 euro ai 1.200 euro mensili per un monolocale.