Affondato battello fluviale in Congo: almeno 36 dispersi, 76 salvati

affondato battello fluviale in Congo

Affondato un battello fluviale in Congo, dove 36 persone risultano al momento disperse. Il bilancio appare provvisorio, ma la polizia locale su Twitter ha fatto sapere che già 76 passeggeri sono stati tratti in salvo. Si indaga per far luce sulle cause che hanno provocato l’incidente. Si tratta di episodi piuttosto frequenti nella Repubblica africana e spesso sono conseguenza delle cattive condizioni delle imbarcazioni, dei sovraccarichi e dell’assenza di segnalazioni. Ad aggravare la situazione il fatto che il più delle volte i passeggeri non indossano i giubbotti di salvataggio e in pochi sano nuotare. Tuttavia, le comunicazioni e i trasporti fluviali restano particolarmente diffusi nella Repubblica democratica del Congo, dove la rete stradale e autostradale risulta invece piuttosto arretrata.

Affondato un battello fluviale in Congo

Affondato un battello che trasportava merci e passeggeri. Stando alle prime informazioni rese note da fonti locali e diffuse da SwissInfo.ch, l’imbarcazione proveniva da Mai-Ndombe (zona ovest del Paese) e navigava verso Kinshasa, capitale della Repubblica democratica del Congo. L’incidente ha avuto luogo a Maluku, a circa 100 chilometri (62 miglia) dal centro della città, dove le correnti del fiume Congo sono generalmente molto forti. Così informa la polizia locale. “La causa dell’incidente non è ancora nota”, ha fatto sapere il colonnello Pierrot-Rombaut Mwanamputu.

Il battello coinvolto nell’incidente avvenuto nella notte di domenica 15 settembre, era chiamata “baleiniere” o “baleniera”, informa ArabNews.com. Si tratta di una nave a fondo piatto comunemente usata tra 15 e 30 metri (da 50 a 100 piedi) di lunghezza e dai 2 ai 6 metri di larghezza.