##Afghanistan, caos presidenziale: Ghani e Abdullah giurano entrambi -2-

Coa
·1 minuto per la lettura

Roma, 9 mar. (askanews) - Assieme a Ghani, prendono la parola anche i due nuovi vicepresidenti, Amrullah Saleh e Mohammad Sarwar Danish. Parlano davanti all'inviato speciale americano Zalmay Khalilzad, all'incaricato d'affari americano Ross Wilson, al comandante delle forze Nato nel Paese Scott Miller e agli ambasciatori di Unione europea, Canada, Australia, Danimarca, Norvegia, Germania. Assenti, invece, l'ex presidente Hamid Karzai, l'ex leader dei mujaheddin Abd Rab Rassoul Sayyaf e l'ex vice presidente Younus Qanuni. In un'altra ala del palazzo presidenziale, intanto, Abdullah, candidato sconfitto alle elezioni, si dichiara a sua volta nuovo presidente dell'Afghanistan, secondo le immagini trasmesse dalle televisioni afgane. Una situazione paradossale, che prende forma dopo l'ultimo tentativo di risolvere lo stallo. Un tentativo che va in scena ieri e che prosegue per alcune ore. Le cerimonie di giuramento fissate al mattino di oggi tra i due contendenti vengono differite per consentire ulteriori tentativi di porre fine alla crisi.(Segue)