Afghanistan, Cina ha ricevuto una delegazione di talebani -3-

Ihr

Roma, 23 set. (askanews) - Il 7 settembre, con sorpresa di tutti, Donald Trump ha posto fine ai negoziati aperti da un anno con i talebani, e che sembravano sul punto di sfociare in uno storico accordo dopo 18 anni di conflitto in Afghanistan.

Il presidente americano ha giustificato il voltafaccia con la morte di un soldato Usa e di altre 11 persone in un attacco talebano due giorni prima a Kabul. "Speriamo che gli Stati Uniti e i talebani afgani mantengano la dinamica dei negoziati", ha aggiunto Geng Shuang.

Il giorno prima, il portavoce talebano da Doha, Suhail Shaheen, ha indicato su Twitter che una delegazione di nove persone è andata a Pechino in visita ufficiale ed è stata ricevuta ieri dall'inviato speciale per l'Afghanistan, Deng Xijun. ——————————————————————————

Roma, 23 set. (askanews) - A giugno, la Cina aveva reso pubblico un precedente viaggio nel Paese asiatico del gruppo ribelle.

La Cina, che condivide un breve confine di 76 chilometri con l'Afghanistan lungo la sua frontiera nordoccidentale, è interessata alle sue risorse minerarie afgane ed è preoccupata dai problemi di sicurezza che potrebbero verificarsi dopo la partenza delle ultime unità combattenti americane. Tra 13.000 e 14.000 truppe statunitensi sono ancora di stanza in Afghanistan.