**Afghanistan: Cisda, 'emergenza umanitaria gigantesca, Italia non volti le spalle'** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – La democrazia "non si esporta: alle persone vanno chiesti quali sono i bisogni, come costruiamo le istituzioni insieme, quali sono gli strumenti che occorrono per crescere come società e avere le infrastrutture necessarie come scuole e ospedali. L'87% delle donne afgane è analfabeta dopo 20 anni che siamo li, la democrazia si porta anche e soprattutto con la cultura dando alle persone la capacità critica di capire, nessuna guerra ha mai portato democrazia", sottolinea Laura Quagliuolo.

Il futuro dell'Afghanistan "sarà un disastro. Intanto c'è un'emergenza umanitaria gigantesca sulla quale noi, che abbiamo tante responsabilità, dovremo fare fronte. Non dobbiamo girare la testa dall'altra parte e non chiudere le frontiere come si sta facendo dovunque, non dire come è stato detto in passato 'l'Afghanistan è un paese sicuro'. Vediamo se l'Europa e l'America sapranno garantire aiuti e sicurezza senza ricatti, senza dire ti porto 'io la democrazia'".

E poi "Bisognerà tenere gli occhi sull'Afghanistan, vedere come si muove la Cina, la Russia il Pakistan che ha formato i talebani e continuare a monitorare i paesi che fanno terrorismo con la faccia democratica", conclude Laura Quagliuolo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli