Afghanistan: Craxi (Fi), 'sharia abroga diritti, Occidente batta un colpo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 set. (Adnkronos) – “La richiesta di applicare la Sharia rivolta dal mullah Hibatullah Akhundzada, guida suprema dei talebani, al nuovo governo dell’Afghanistan testimonia, più di mille dichiarazioni d’intenti, l’orizzonte del nuovo regime talebano. Siamo, senza sorpresa alcuna, di fronte ad una teocrazia in cui i diritti, specie per le donne afghane, diventano un mero enunciato. Parliamoci chiaro. In Afghanistan l’Occidente ha perso". Lo ha detto Stefania Craxi, senatore di Forza Italia e vicepresidente della Commissione Affari esteri.

"Ha perso – ha aggiunto – perché incapace di immaginare un futuro possibile, dilapidando risorse, sforzi e, ancor più, credibilità e dando così vita ad una sorta di gioco dell’oca che ci ha riportato ben più indietro dalla casella di partenza! Dobbiamo quindi essere ancor più irremovibili nel pretendere il rispetto di alcune condizioni minime per un dialogo elencate dallo stesso Alto rappresentante dell'Ue, Josep Borrell e, soprattutto, la comunità internazionale non può rimanere sorda innanzi agli appelli delle residue forze di resistenza alla violenza talebana che chiedo di fermare il genocidio in atto nella valle del Panshir. L’Occidente libero batta un colpo, e ritrovi le ragioni del suo essere”, ha concluso Craxi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli