Afghanistan: Di Stanislao (Idv), Governo ritiri nostro contingente

(ASCA) - L'Aquila, 26 giu - Per Augusto Di Stanislao,

capogruppo IdV in Commissione Difesa della Camera, ''e'

desolante vedere il luogo piu' solenne nel quale rendere

omaggio ad un soldato italiano, che ha perso la vita in una

missione internazionale in nome e per conto del proprio

Paese, vuoto ed un'analisi ed un confronto ridotti ad una

mera ritualita'''. E rinnova ''ancora una volta da parte mia

e di tutto il gruppo dell'Italia dei Valori il piu' profondo

cordoglio alla famiglia di Manuele e la vicinanza ai soldati

rimasti feriti''. ''Se il tema e' la rappresentazione

plastica che vediamo rispetto ad un impegno che il Parlamento

tutto richiama e poi i banchi sono tutti vuoti, allora non

c'e' nessuna disponibilita' a riconoscere questi sacrifici e

a prendere coscienza di cio' che sta accadendo ormai da tempo

- dice Di Stanislao - Vale piu' un voto o la vita di un

soldato'? La presenza in aula e' piu' giustificata per un

voto o per onorare i nostri giovani eroi'?''. ''Questo

Governo deve assumersi le sue responsabilita' non solo nei

confronti degli alleati - ammonisce il deputato IdV - ma nei

confronti di tutto il Paese, di coloro che rischiano la vita

e dei tanti che l'hanno persa per sostenere scelte di Governo

che devono essere riconsiderate e rivalutate all'interno del

Parlamento''. ''Noi dell'Italia dei Valori - ricorda Di

Stanislao - ci battiamo ormai da tempo per il ritiro del

nostro contingente in Afghanistan, uno scenario di guerra,

una guerra infinita nella quale noi siamo stati fagocitati,

snaturando la nostra mission.

Non serve aspettare altre vittime, non serve attendere il

2014 ed oltre per accodarci alle scelte altrui - esorta

infine - E' ora e passata di ritirare il nostro contingente

anche e soprattutto per il bene degli afghani''.

Ricerca

Le notizie del giorno