Afghanistan, Ferrero: "Mandate alla Sampdoria una delle calciatrici"

·1 minuto per la lettura
Massimo Ferrero (Photo by Marco Canoniero/LightRocket via Getty Images)
Massimo Ferrero (Photo by Marco Canoniero/LightRocket via Getty Images)

La Sampdoria, per la prima volta nella sua storia rappresentata da una squadra femminile in Serie A, è pronta ad accogliere una delle calciatrici di Herat che hanno raggiunto l'Italia dopo aver lasciato l'Afghanistan. "Confermo la mia disponibilità", insiste il presidente blucerchiato Massimo Ferrero.

VIDEO - Ecco l'ultimo soldato americano che ha lasciato l'Afghanistan

"Lo sport - sottolinea Ferrero all'ANSA - non deve chiudere gli occhi davanti alle tragedie del mondo. Faremo tutto ciò che è possibile per partecipare a questo importante progetto umanitario e tornare a far rimbalzare la gioia di un pallone tra i piedi di queste ragazze. Ribadisco la nostra disponibilità: abbiamo una squadra femminile che è, soprattutto, un bellissimo gruppo, giovane ed entusiasta. La Sampdoria è unione: noi siamo pronti". 

La Sampdoria ha già preso contatto con l'Ong di Firenze (Cospe, Road to Equality) che è stata la prima a lanciare il grido d'allarme e attende indicazioni, anche dalla Figc, per trasformare la disponibilità in realtà.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli