Afghanistan, fratello attivista Zahara Ahmadi: "Mia sorella in salvo ma urgono soluzioni"

"Mia sorella è salva, ma lei è una. Tante persone stanno ancora aspettando e mi auguro riusciremo presto a trovare una soluzione per attivare questo corridoio umanitario, questi visti speciali già applicati da altri Paesi. Bisogna pensare, ragionare, trovare una soluzione". Lo dice in un videomessaggio Hamed Ahmadi, fratello dell'attivista afgana atterrata ieri a Fiumicino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli