Afghanistan, Ghani e Abdullah rivendicano al vittoria

Coa

Roma, 30 set. (askanews) - I due principali candidati alla presidenza afgana, il capo di Stato uscente Ashraf Ghani e il leader del governo Abdullah Abdullah, hanno entrambi dichiarato vittoria alle elezioni di sabato, ricreando di fatto la crisi elettorale di cinque anni fa, quando le dichiarazioni contrastanti degli stessi protagonisti provocarono mesi di tumulti.

La Commissione elettorale indipendente dell'Afghanistan sta ancora raccogliendo i voti, i cui risultati dovrebbero essere noti dopo la metà di ottobre. Se nessun candidato otterrà la maggioranza delle preferenze, avrà luogo un ballottaggio tra chi avrà ricevuto più voti al primo turno.

"I nostri voti sono di più, non si andrà al secondo turno", ha detto Abdullah in conferenza stampa a Kabul. Una posizione che però, è anche quella di Ghani. Il suo alleato, Amrullah Saleh, ha spiegato: "Le informazioni che abbiamo ricevuto dimostrano che il 60-70% delle persone ha votato (per) noi", ha affermato.