Afghanistan, il Pentagono ammette: "Tragico errore il drone che ha ucciso 10 civili"

·1 minuto per la lettura

Il Pentagono ha ammesso che l'attacco condotto lo scorso 29 agosto con un drone in Afghanistan ha colpito un veicolo sbagliato, uccidendo 10 civili, tra cui diversi bambini. Le forze armate statunitensi avevano finora negato questa possibilità, sostenendo di avere condotto correttamente l'attacco.

"Pensavamo che avremmo fermato una minaccia imminente per le nostre forze armate e gli evacuati all'aeroporto, ma è stato un tragico errore e porgo le mie più sentite scuse", ha detto il generale Frank McKenzie.

Il Pentagono intendeva colpire i miliziani dell'Isis-K, costola afghana dell'autoproclamato Stato Islamico, responsabile dell'attacco terroristico all'aeroporto di Kabul in cui sono morte decine di civili e militari americani. Sempre stando al Pentagono l'autista della macchina colpita erroneamente era un dipendente di lunga data una organizzazione umanitaria americana.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli