Afghanistan, a Kabul via i volti delle donne da pubblicità e vetrine

·1 minuto per la lettura

Via i 'volti' delle donne da Kabul. I responsabili talebani hanno iniziato a rimuovere le immagini femminili usate per la pubblicità sui cartelloni e sulle vetrine dei negozi della capitale afghana. In una dichiarazione di cui dà notizia l'agenzia Dpa, le autorità di Kabul, da metà agosto di nuovo in mano ai Talebani, annunciano la rimozione di tutte le pubblicità contrarie alla sharia e invitano al rispetto dei "valori etici".

Immagini diffuse su Twitter sull'account del 'comune' mostrano volti di donne 'censurati', con vernice scura o frettolosamente 'coperti' con graffi, comunque spariti da cartelloni pubblicitari, vetrine di sartorie e saloni di bellezza. Il portavoce Nematullah Barakzai ha confermato alla Dpa che l'intervento si è reso necessario dopo una decisione del "governo" talebano, dopo che immagini simili a quelle delle ultime ore erano circolate nei mesi scorsi, subito dopo la resa di Kabul.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli