Afghanistan, Kissinger: "Ecco perché gli Usa hanno fallito"

·1 minuto per la lettura

Occorre "un’attenta riflessione per capire come mai l’America si sia ritrovata a dare l’ordine del ritiro, con una decisione presa senza preavviso né accordo preliminare con gli alleati e con le persone coinvolte in questi vent’anni di sacrifici. E come mai la principale questione in Afghanistan sia stata concepita e presentata al pubblico come la scelta tra il pieno controllo dell’Afghanistan o il ritiro totale". Lo ha scritto Henry Kissinger in un intervento sull'Economist pubblicato oggi dal Corriere della Sera dopo "la riconquista dell’Afghanistan da parte dei talebani".

"Ci siamo persuasi - secondo Kissinger, ex consigliere per la sicurezza nazionale ed ex segretario di Stato degli Stati Uniti - che l’unico modo per impedire il ritorno delle basi terroristiche nel Paese era quello di trasformare l’Afghanistan in uno Stato moderno, dotato di istituzioni democratiche e di un governo insediato su base costituzionale", ma "una tale impresa non poteva prevedere un calendario certo, conciliabile con i processi politici americani".

Per Kissinger, "la lotta ai ribelli poteva essere ridimensionata a contenimento, anziché annientamento, dei talebani" e "il percorso politico-diplomatico avrebbe potuto esplorare uno degli aspetti particolari della realtà afghana: che i Paesi confinanti, anche se in aperta ostilità tra di loro e non di rado con l’America, potessero sentirsi profondamente minacciati dal potenziale terroristico dell’Afghanistan". "Una diplomazia creativa avrebbe potuto distillare misure condivise per debellare il terrorismo in Afghanistan. Questa alternativa non è mai stata esplorata", conclude, convinto che l'America non possa "sottrarsi al suo ruolo di attore chiave nell’ordinamento internazionale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli