Afghanistan, Lella Golfo: 30 imprenditrici ospitano donne afgane

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 ago. (askanews) - Un rete di solidarietà di oltre 30 imprenditrici italiane da Nord a Sud, pronte a ospitare donne con bambini e anche intere famiglie afgane in fuga dal regime talebano: l'ha promossa la presidente della fondazione Bellisario Lella Golfo. "Abbiamo appena consegnato al Ministero degli Interni un elenco di amiche della Fondazione Marisa Bellisario" ha detto Golfo. "Appena viste le terribili immagini giunte dall'Afghanistan - continua Golfo - ho lanciato un appello alle amiche della Fondazione Bellisario che hanno accolto con straordinaria generosità il mio invito".

"Sono oltre trenta le imprenditrici da Nord a Sud pronte ad ospitare nelle loro case più di 150 profughi fra donne e bambini ma anche intere famiglie in fuga. Ho preso immediatamente contatto con le istituzioni e ieri ho consegnato al Ministero dell'Interno l'elenco delle donne che hanno offerto la loro ospitalità. Un gesto di solidarietà concreto, coerente con la storia delle numerosissime missioni internazionali della Fondazione, soprattutto in Afghanistan" prosegue Golfo.

"Parlare di parità significa anche questo: non possiamo restare a guardare un movimento fondamentalista che calpesta i più elementari diritti umani e si accanisce contro le donne. E' nostro dovere offrire alle donne afgane prima di tutto un rifugio sicuro e poi un futuro di libertà di istruzione e indipendenza".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli